Chimica (due ragazze allo sbando)

– E cos’altro ha spiegato?
– Nulla. Quello che leggi. Non c’era una mazza da dire alla fine. L’energia che spinge i protoni fuori poi questi vogliono tornare dentro e… Niente. Queste cose qui.
– L’energia protonica…
– Sì, ma niente di che.
Apre il libro. Punta il dito. Chiude il libro.
– Io spero che la Fede si limiti perché veramente sa troppe cose. L’altra  volta io e Roberto stavamo ripassando poi è arrivata lei e si è messa a dire un sacco di cose ed io non ho capito piu nulla.
– Ma perché lei è precisa.
– Si, però… Che poi, la Fede l’ha pure detto, perché lei si mette a cercare le cose su internet, se no non capisce. Ma questa è pazza. Ma fai le cose che ti dicono di fare
– Qui come è la formula?  Il gruppo acetile si unice  al coenzima o quello se ne va?
– Mah…
– com’è?  piruvato decarbassi…dercabosdillosi?
– derca…forse bossilosi…
Apre il libro. Gira una pagina. Dito sul naso e sguardo ottuso.
– ma che ne so…
– È l’esempio della foglia che ha spiegato, mi pare…
– Ah sì. Quello. Se l’aria è ferma sulla foglia l’acqua fa fatica ad uscire. Solo questo so dell’ultima parte. Una cazzata.
– Non ho capito una mazza.
– Ma sì… sinplastica apoplastica. L’ho scritto qui… da qualche parte. Mo’ non lo trovo… Comunque, niente di che… l’accumulo… ma sì, apoplastica… accumulo…
– Ah…
Sfoglia il libro. Chiude il libro.
– Quella stronza della Fede! Speriamo che non venga a farci fare una figura di merda.
– Che palle!
– Si, davvero.

Annunci

16 thoughts on “Chimica (due ragazze allo sbando)

  1. Ti leggo spesso. Ed ogni volta penso che non solo tu riesca ad ascoltare, ad osservare i volti, ma anche che la tua fantasia ti porti a completare il quadro. Non per questo meno realistico. Scrivi ancora. Fabiola

  2. Mi hai riportato ai tempi della scuola. Chimica che materia folle, per chi non ne è appassionato.. Nomi impronunciabili ed irricordabili. E’ sempre coinvolgente il tuo modo di scrivere.

  3. un po’ confuse, ma simpatiche, le ragazze.
    Affascinante stare a sentire la gente che parla in treno, a me capita raramente, il più delle volte è chiacchiericcio, però talvolta capita( nei viaggi lunghi) di ascoltare vere e proprie confessioni. Comunque brava! continuerò a seguire il tuo blog.

  4. IO ero sempre la “fede” di turno… probabilmente le mie compagne di classe di cacca parlavano così anche di me!!!
    Comunque sei bravissimo/a a rendere questi spaccati di vita quotidiana. Non so come fai… mi sembra di stare lì ad origliare…
    in fondo, quello che faccio di più in treno è ascoltare le convcersazioni degli altri, facendo finta di leggere o ascoltare musica… lo so, non è corretto… ma è troppo bello.

  5. scusa se commento un’altra volta quotandoti ma
    “-Quella stronza della Fede! Speriamo che non venga a farci fare una figura di merda.”
    e’ proprio Apocalittica, soprattutto come conclusione 😉

  6. Tutto il mondo é paese…senza l’articolo davanti alla povera Fede e con un gnente al posto della mazza, le vedo benissimo anche su un bus stracarico della mia povera città! Comunque delle tre l’una: 1. sei dotato di memoria eidetica; 2. registri i dialoghi sui treni fingendo di ascoltare musica! 3. Hai talento da vendere! In ogni caso…complimenti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...