Chi sputtana chi (in cuffia: Love it – Brandi D.)

“Se la guardi così è stata pure una serata carina. C’era un figo biondo con un culo pazzesco che ha fatto lo spogliarello. Anche se poi, alla fine, la cretina si è rotta il piede…”
“Hxhynbgjlk hjkkl..crrr…crrr…”
“Eh? Non ho capito.”
“Hxhynbgjlk hjkkl hgfhh”
“Ah. Perché stava ballando, l’oca. Cantava, beveva, cozza come al solito, è caduta. Si è spaccata il metatarso. Adesso è tutta ingessata.”
“Jkgjj kkjhh hggjjg” 
“Massì, finisce che toglie il gesso un giorno prima del matrimonio, che il medico le ha detto che dovrà mettere i sandali, che se mette i tacchi compromette tutto. Te la vedi? Già era una tamarra di suo. Adesso coi sandali quando si sposa, chefiguradimerda. Sai la Mary che ha detto? che l’ha vista andare dalla sarta per farsi accorciare il vestito che se no, che fa? una scarpa ed una ciabatta? Ridicola, guarda. Ridicola.”
“Hjkfgh kkkll?”
“Allora non lo sai.”
Si volta verso l’amica di fianco. Come Peter Falk in Colombo, copre con una mano il telefono “non lo saaa!” le sussurra lungamente in un orecchio. “Non sa del tizio”. L’occhio un po’ chiuso, l’altro aperto. Riprende la conversazione all’apparecchio, con un sorriso niveo e smaltato. Una cicatrice sulla faccia.
“Indovina un po’ chi l’ha accompagnata la sera in ospedale?”
“Hndgthvk…”
“Noo. Tipregoindovinadai.” 
“Hjdyuk?”
“Ma va! L’ha portata in auto il figo dello spogliarello. Quello biondo con il culo fantastico che ballava tipo cobra.”
“Hklyujjj jkllk….”
“Credici. Tipregocredici! Si sono pure scambiati i numeri, ed adesso si scrivono su whatsapp e sullemmail. Chissà Gianni, povero. Prima del matrimonio. D’altronde, non è che puoi dire di no. Sempre stata un po’ zoccoletta Silvia, dai.”
“Bklhf klhhjk?”
“Ti dirò, io manco ci volevo andare, però devo, sennò succede un casino con mia cognata che ci va in palestra da sempre. Comunque metterò la borsa argento e le scarpe argento. Anche se poi non stanno niente bene con le gambe color latte scaduto. Devo fare una lampada urgente. ”
“& & &…bzz…crrr..”
“Non ho capito. Eh? Pronto? ”
“Vbgjkjh jkjggg..”
“Dicevo, non stanno bene con le gambe bianche che sembrano latte di soja. Vedi tu. Con la borsa di argento.”
“Gjkkuik hkk… zzzz…crrr”
“No, no! Soja! Ho detto gambe di soja. Pronto?”
“Jkkjgg bz..crrrr…. crrrrr…”
“Pronto? Pronto?”
Stazione di… Milano Lancetti. Prossima fermata  Porta Garibaldi.
“Caduta la linea?”
“Sì. Che palle. Questa ha capito troia ed io dicevo soja”
“Eh va bhe, dai. Tanto, con la borsa d’argento…”
Il ghigno di un untore, a Milano, tra Renzo, Lucia, capponi, don Abbondio e Bravi, avrebbe sortito meno effetto.
L’altra ci pensa. Osserva l’amica, l’untore, l’angelo del male con la peste in bottiglia.
Guarda poi il telefono con cui dialogava, come lo vedesse apparire per la prima volta, caduto forse da una galassia lontana. La bocca socchiusa e stupita.
Kriptonite? Ma questa è kriptonite? Cielo… kriptonite.
Fa no con la testa. “Vabbhe che c’entra.” Risponde seccata. “Pure l’immagine che uno si fa, dai. Che quella è una stronza che sputtana tutti da Arona a Domodossola. Che nervoso ‘sto treno di merda che non c’e mai linea quando devi dire una cosa importante.”

Annunci

134 thoughts on “Chi sputtana chi (in cuffia: Love it – Brandi D.)

  1. Ho sempre guardato e ascoltato le persone sui treni. Forse sono solo curiosa, ma preferisco definirmi “osservatrice”. Tu riesci a distillare l’essenza di queste scatole ripiene di umanità, per me è una manna. E grazie di essere passato dalle mie parti.

  2. Ecco. Sono stata fortunata.
    Sono capitata nel tuo blog!
    E mi è piaciuto davvero molto il tuo post, per come è scritto, per quello che racconta.
    Osservare la gente è uno dei miei “passatempi” preferiti!
    Tornerò da te. Senza dubbio.
    Grazie.
    Un sorriso
    gb

  3. Woo hoo… vado come un treno e leggo i tuoi post come se il binario fosse uno solo. E invece no. Ognuno degli astanti corre su un suo binario.
    Senti a un povero fesso: vuoi fare una cosa buona? Prendi le cuffie, japr l recchj, e ascoltati questa: Il balletto di bronzo ~ La tua casa comoda. Sai mai… è un treno.
    Ti dirò sinceramente. La maggior parte delle canzoni che ascolti in treno non mi piacciono. Non farò il piacione per piacere a tutti i costi. Che si fottano i soldi. Troppo hippppppopppppeggianti per le mie orecchie. Io sono più prog anni 70, ma max respect per la ricercatezza di alcuni brani. E poi… li gusti sono li gusti. A ciascuno il suo.

    Senti ‘sto passaggio: “Tu non esci perché ogni emozione è scomoda, secondo te… quanta noia però nella tua casa comoda”. Mica cotiche.

  4. Se dovessi essere costretta ad ascoltare conversazioni del genere, mi augurerei un’otite fulminante che mi procuri un’opportuna sordità temporanea al fine di evitare il suicidio di un numero elevatissimo di neuroni.

  5. splendido! mi viene quasi voglia di diventare una pendolare del treno anzichè una misera pendolare di autobus e metro … il materiale che si acquisisce è decisamente scarso, rapportato al numero di fermate … o forse dovrei apprendere da te e affinare l’orecchio e non fare la schizzinosa quando parlano a voce alta al cellulare, magari mi peserebbe di meno lasciarmi ciondolare appesa al corrimano tipo scimmia tutti i giorni

  6. E sai qual è la cosa bella, in questi tempi dove conta più il produttore (in tutti i settori, purtroppo) del prodotto? Il tuo essere indefinito. Presente – e delineato – più di chiunque, quindi. Sei bravissimo.

  7. lo sputtanamento, sport nazionale…non importa quello che si dice vanno bene anche i draghi sputafuoco…e il treno va…anche in aereo non è male ascoltare facendo finta di dormire….buona giornata, ciauuu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...