Il bene e il male. (in cuffia : Oh Wonder – Body Gold (Louis The Child Remix)

“… e, Pino,  ne vogliamo parlare?” dice la donna con una quarta sul petto,  i Levi’s a zampa tirati fino in gola ed il sibilo di un serpente a sonagli. 

“Ma chi?! Il carrozziere?”

“Vedi tu.”

“Impossibile! Ci porto costantemente l’auto. È un bravo ragazzo… “

“Seeee. Come no.  Te lo raccomando!” dice quella dai seni enormi.  “Che poi” continua, “bravo è bravo nel lavoro, eh.  Poi, però… “

L’ altra  pare abbia un attimo di sbandamento.  Non si capacita.  Pino,  proprio lui,  il carrozziere. Quello delle auto da rifare e verniciare. Il tizio dell’angolo, tra il panificio e la sarta cinese. Tra una botta ed una fresata, una lucidata ed una spazzolata.

Quello che sul profilo whatsapp c’ha l’immagine del castello di Neuschwanstein. 

Lì, sempre pronto a salutare al mattino, pomeriggio, sera. 

Cazzo. 

Pino.

“Non posso crederci… ” dice dopo un attimo.  “Roba da matti,  gli ho chiesto proprio qualche giorno fa una stuccatura sulla fiancata.  Che la macchina era messa proprio di merda.” 

“E lui?”

“Lui, che?” 

“Non ti sei accorta di nulla?”

“No. Veramente, no… certo, ogni tanto tirava su con il naso,  ma mi è  parso così normale… ” 

“Ah, vedi?! E l’occhio? L’occhio lo hai guardato bene? ” 

“quello che si chiude e si apre come un neon?”

“Ecco, brava! E la bocca? “

“si. Bhe. Muove un po’ le labbra in diagonale. Si strofina gli zigomi in continuazione. Eppure… “

“Eppure, eppure.  Vicky, dai, su! ” 

“Eh?”

“No, dico. Il sangue che gli cola dal naso, lo hai visto?  Quello tira.  Si fa di acidi.  Non hai notato che gli occhi sono a sbalzo?” 

“A sbalzo?”

“E la cicatrice? Quella cicatrice che sembra il taglio di una katana?”

“A dire il vero… “

“Anfetamine, barbiturici,  la colla… spray per moquette, diluenti per tappezzeria. La sa lunga il tipo, dai, su.” 

“Ma, scusa, non sarà mica per l’incidente?”

Il subdolo rettile dal capezzolo di metallo,  folgorato da una nuova informazione, arresta a mezz’aria la lingua biforcuta. Il cielo sopra la sua testa, l’eden di sempre, si condensa improvvisamente. 

 “L’incidente?” chiede.  “Quale incidente?”. Non capisce.  

“Ha fatto un brutto scontro con la moto.” risponde l’altra. “Gli hanno ricostruito la faccia alle Molinette.”

“No.  Dai.  Davvero?” 

“Si.  Qualche mese fa. Magari i segni sul viso,  l’occhio a sbalzo,  il naso… “

Il serpente strisciante, creatura infida,   con la mela ancora tra le mani,  si guarda intorno. Non sia mai l’avessero sentita sul vagone. Toglie gli occhiali da vista,  li pulisce distrattamente con una pezzetta anonima. 

“Incredibile” sussurra dopo aver sparato gratuitamente mezzo chilo di merda su Pino. “È una vergogna! sssssssss…” continua “…sssss… pensare a quanta malignità …ssssss…  c’è al mondo”. Striscia.  “Guarda…. ssssssss…  che schifo.” Si allunga.  Si desquama. 

“Eh? “

” Ma si…ssssss… basta che uno c’ha la faccia un po’ strana e la gente subito ti viene a dire che si droga….sssssss….”

“Eh, bhe”

“Che io, se ci pensi, ti ho solo riferito.”

“Ah!”

“Ma manco ci credevo. Figurati .. ssssss…”

“Immaginavo.”

“Appunto.”

E rimettrendosi gli occhiali,  lascia cascare la mela che, lentamente, rammentando il bene e il male, rotola come il destino, sotto i sedili del treno per Malpensa. 

Parigi aspetta. 

Oh Wonder – Body Gold (Louis The Child Remix)

Annunci

La guardia

La guardia giurata con scudetto sul petto e divisa petrolio è seduto nella corsia centrale. Quella che quando qualcuno deve sedersi bisogna per forza alzarsi. Scusi dovrei… si si mi alzo. Che palle.
L’amico, è seduto di fronte. Anche lui guardia giurata ma con uniforme brunastra.
È più piccolo, la testa incassata nelle spalle.
Scudetto sul petto, invece, è enorme. Il mento di Gambadilegno. Occupa tronfio il sedile, ha l’accento pugliese spiccato. La voce maledettamente alta.
– Eccié. Mi stav’ a ferma’ l’altra volt’ (mi stavo fermando l’altra volta).
– Peccato. Fanno i panini piatti a 3 euro e 20. 
– Piatti? 
– Si. Schiacciati.
Brunastro simula con la mano un tostapane. Su e giù. Su e giù.
Prossima fermata… Vanzago
– Se mangio là, prendo sempre un panino che se no poi alle due dormo. Ma Sai quanta gente della banca?
– E’, u’saccie (E, lo so).
Pugliese stretto agita le mani. Gesticola pericolosamente. 
– Chidd, so amici amici amici. U’ ssa quant’ volte ci andavo io a prend’ il caffè ed era cosi chien’ che manc’ la confidenz’ ricevev’.  Che quella è gente seria! ( quelli sono amici di amici. Sai quante volte andavo lì a prendere il caffè ed era così pieno che non mi davano neanche retta!)
– E hanno pure una figlia, mi pare, e ci sta pure la sorella nel locale.
– Essì. Hann’ affittat’ na russa che anche con lei ho preso confidenza ho preso. Ohu! Ma tu u’ ssa  che il bar  apriva alle 5 anche di domenica?  Quello s’è fatt’ i tirris’. Le pa-pa-gne (Quello ha fatto soldi). Che già nell’ottantadue ottantatré  io li mi fermav’ a prendere il caffè.
– Ah…
– Ouh!  D’estate mi faceva il caffè cremoso. 
– Eh…
– Pins nu picc (pensa un po’), c’ho portato la mia capa ci ho portato. E gli dico: ti fidi per un caffè?
La mano enorme di taglio sulla bocca tipo megafono
– Ohu! Da Pe-schi-era!! 
– Pazzesco…
– Poi pure all’altra capa, ohu!  Senti a me. Vuoi un caffè, eh? E la portavo.
– Ma la tua capa quella delle Poste? 
– Caci’! (????) Che quann’ lavoravo ci andavo. E quann’ se no?
– Ah.
– Ohu. Presente, d’estate?
– Eh…
– Me’, nu casin’! Che mo, co stu cazz d’lavor!